Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

Che cosa strana è il mondo - Jean d'Ormesson

Ero curioso di leggere qualcosa di questo autore. Questo libro mi ha appassionato e mi è piaciuto al punto di leggerlo tutto d'un fiato e senza interruzioni. Mi è sembrato di rileggere "Pensieri" di Blaise Pascal". In futuro, se ne avessi tempo, lo acquisterei e lo porrei accanto al letto per le mie meditazioni. Molto istruttivo e "poetico".

Il tesoro di Leonardo - Massimo Polidoro

Leo e Cecilia, due ragazzi curiosi, vanno alla ricerca di un tesoro perduto.
Cosa arriveranno a scoprire? Certo chi arriverà in fondo a questo libro lo capirà.
Un libro davvero eccezionale e scorrevole. Una bellissima storia, confezionata alla perfezione.

Quello che non uccide - David Lagercrantz

Tempo di lettura: 12 ore
Che dire, amici, ve lo confesso, all'inizio ero un po' scettico, dopo aver letto i primi tre romanzi di Stieg Larsson, non credevo che David Lagercrantz potesse essere alla sua altezza. Ma dopo averli amati, ho comunque deciso di provare e non sono rimasto deluso. Millennium 4 è come ritrovare vecchi amici ed una storia altrettanto appassionante, come le precedenti. Ma prima bisogna aver letto gli altri tre, altrimenti non si riesce a godere appieno. Ah, a proposito, qui si parla di intelligenza artificiale e … Buona lettura!

Il cacciatore del buio - di Donato Carrisi

Tempo di lettura: 10 ore
"Bene e male non sono mai categorie definite. Spesso è necessario decidere cosa sia l'uno e cosa l'altro. Il giudizio dipende da noi"
"Il punto, tuttavia, è un altro: cos'è un uomo? Non potendo sapere chi sia realmente qualcuno, lo giudichiamo per ciò che fa. Il bene e il male sono il nostro metro di giudizio. Ma è sufficiente?"
"Ogni religione al mondo pensa di possedere la "verità assoluta", anche se questa confligge spesso con la verità delle altre fedi. Nessuno si preoccupa di cercare un verità condivisa, ognuno rimane fermamente convinto del proprio credo. Non le sembra assurdo se Dio è uno solo?"
Una storia originale ed avvincente, in pieno stile Carrisi, dove solo cogliendo le "anomalie" si riesce a comprendere la verità.

La seconda estate - Cristina Cassar Scalia

Buono l'impianto narrativo. Il racconto procede con un crescendo continuo fino all'ultima pagina. Il linguaggio è curato. Dopo quest'opera prima (?) si supera per la suspence crescente ne "Le stanze dello scirocco", "Sabbia nera" e "La logica della lampara". Viene da pensare al compianto Camilleri (nel quale una visione un pò pirandelliana della società) o a Sciascia. La cosa non mi sorprende per l'origine (netina) della scrittrice. Complimenti. Mi auguro di leggerla ancora e la raccomando.

Liberatemi! - Alex Sanders

Il bambino interagisce con tutto il libro,viene coinvolto.
Libro molto semplice con breve,con immagini e parole ben comprensibili.
Adatto da 1 anno e mezzo circa

Dawla - Gabriele Del Grande

Mi è piaciuto molto. Un occasione unica per comprendere questo mondo in modo un po' più approfondito.
Bravo Del Grande sia per i pericoli affrontati sia per l'imparzialità con cui riporta il suo racconto.

Eretico e profeta - Giordano Bruno Guerri

Ringrazio l'autore per aver scritto questo bellissimo libro su questo prete trattato ingiustamente (per non dire malmenato durissimamente) da tanti uomini di chiesa (anche se proclamati santi) e non difeso da altri uomini di chiesa (con qualche santo). La figura di Buonaiuti mi ha sempre incuriosito fin dagli anni della mia giovinezza e, ora, ne sono contento.

Le cinque persone che incontri in cielo - Mitch Albom

Tempo di lettura: 5 ore
L'espediente narrativo, abbastanza banale, è in realtà utile all'autore per affrontare nello stesso libro, con un apparente filo logico, argomenti molto diversi:
la DIVERSITA' ("Quando sei un reietto, ti affezioni anche alle pietre che ti scagliano");
l'ORRORE DELLA GUERRA ("Aveva conosciuto l'eccitazione nervosa del primo combattimento a cui scampa un soldato, quando gli uomini si danno pacche sulle spalle e sorridono come se fosse finita, … e aveva conosciuto la depressione profonda che segue il secondo combattimento, quando il soldato si rende conto che la lotta non si ferma a una sola battaglia e molte altre lo attendono");
il RAPPORTO GENITORI-FIGLI ("Tutti i genitori fanno del male ai figli, è inevitabile. I giovani, come vetro puro, conservano le impronte di quanti li toccano. Alcuni genitori li macchiano, altri li incrinano, altri ancora li frantumano in mille pezzi, senza possibilità di recupero");
l'AMORE ("Ma l'amore assume molte forme, e non è mai lo stesso per qualsiasi uomo e qualsiasi donna");
il SENSO DELLA VITA, perché tutte le vite hanno un senso.
Tutto sommato, un libro che contiene spunti interessanti.

Gli africani siamo noi - Guido Barbujani

L'autore è docente di genetica all'Università di Ferrara, ha scritto un testo molto accessibile, a tratti divertente che ci porta a comprendere con semplicità l'origine di noi tutti: l'Africa