Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

R: Devo essere brava - Alessandro Q. Ferrari

La lettura di questo libro può essere definita interessante,ma non piacevole,in certi punti scorre male e la trama non sempre è ordinata,caratteristica del personaggio principale di questa storia.Diario di una ragazza immersa nel pieno del disagio sociale dove i responsabili sono gli adulti che la circondano.L'autore ha il merito di tenerci in serbo una sorpresa finale per quanto riguarda uno dei giovani personaggi.

La biblioteca di Parigi - Janet Skeslien Charles

Molto bello.
Leggere di libri, l'amore per gli scrittori e la loro arte.
Questa volta la protagonista Odette non è un personaggio limpida ma una donna un po' meschina e piena di paure e pregiudizi, in compenso la sua amica inglese è una persona aperta al mondo è lei il vero personaggio del libro secondo me.

scalfari - Eugenio Scalfari

Tempo di lettura: 3 h e mezzo
Le domande di un laico alla ricerca del senso della vita, in un libro che chiude un percorso introspettivo dell'Autore, che inizia con "Incontro con Io" ed arriva dopo altri 5 libri. Alla partita della vita partecipano "Eros, il Signore dei desideri, Narciso, l'amore verso di sé, il Caso, la fatalità, Edipo, la trasgressione. E infine la Morte". Ed il nostro io che durante il proprio cammino si fa sedurre dall’uno piuttosto che dall’altro, oppure rimane condizionato dal Caso, fino all’incontro finale con la morte.
"Le partite sono diverse una dall'altra perché l'io è sempre diverso e non solo: lo stesso io si modifica col passare del tempo, non è mai lo stesso e questo è il fascino della consapevolezza: che tu giochi e al tempo stesso ti vedi giocare"
"Le altre specie viventi soddisfano i loro istinti primari e i bisogni che ne derivano. Sono bisogni e istinti ripetitivi, coatti. I nostri no. I nostri evolvono, sono creativi e questo è il dono che ci fa la morte ad ogni istante, mentre segue implacabilmente la nostra partita… L'arte, la letteratura, la musica, la poesia; più in generale le creatività fanno parte delle armi che abbiamo per combattere la morte… La fede in una vita d'oltretomba è l'esigenza più consolatoria che vi sia ed ha l'aspetto positivo di stimolare l'amore verso gli altri oltre che verso se stessi."
"La fantasia di cui è dotato l'uomo gli ha consentito di inventarsi Dio e al tempo stesso Lucifero. E poiché è lui ad averli inventati, si è concesso anche la libertà di scegliere fra di loro; scegliere di volta in volta, mai per sempre.”
Il motivo per cui Ulisse rinuncia all’immortalità offertagli da Circe e Calipso risiede proprio in questo: “Odisseo sa che l’Immortale è ripetitivo, la sua potenza è ripetitiva, da questo punto di vista più simile all’animale che all’uomo. Come “l’Ulisse di Dante ricorda ai suoi compagni dell’ultimo viaggio senza ritorno: “fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza”. Questa è la motivazione e chi a questo riesce ad arrivare ha vinto la partita della vita”

Libere di volare - Raquel Díaz Reguerra

Per essere “Libere di volare”, bisogna che tre bambine facciano cadere tutti i sassolini che una banda di malvagi, con a capo il perfido NONCELAFARAI, ha infilato nelle loro scarpe, nelle tasche, negli zainetti...sono l’idea di non essere abbastanza magre e alte, di non poter accedere a mestieri che di solito fanno i maschi, di doversi comportare sempre da principessine perfettine...grazie all’intraprendenza di Valentina, riusciranno a togliersi i sassolini di dosso, e potranno ricominciare a fare tutto quello che desiderano, usando le ali tessute con tanto amore dal signor SEVUOIPUOI...un libro delizioso, scritto e illustrato da Raquel Diaz Reguera. Consigliato alle bambine e ai bambini, ai loro genitori ed educatori, a chi desidera che ciascuno abbia la libertà di scegliere il proprio futuro.

L'amante giapponese - Rani Manicka

Molto riflessivo. Una storia di donne con le loro paure, cultura e pregiudizi di un popolo diverso.
Affascinante, introspettivo.
Dove non è l'esteriorità che rende belli ma l'io interiore.

Devo essere brava - Alessandro Q. Ferrari

E' la storia di Sara, una ragazza costretta a vivere cose più grandi di lei, come la solitudine, la paura, l’abbandono: la rabbia la farà mordere, urlare, sputare addosso agli altri. Tocca a lei, che ha solo sedici anni, “rimediare” ai guai dei suoi genitori, dai quali deve in qualche modo difendersi. La cosa più difficile, in questa situazione, è fidarsi e farsi amare, accettare l’aiuto di qualcuno: ma il rischio di scegliere la strada sbagliata, per riuscire a fare tutto da sola, è sempre presente.
Un libro forte, che fa stare un po' male, ma che dà anche l'idea di quante risorse, interiori e negli altri, possono aiutare le persone ad affrontare momenti davvero difficili. Un libro da leggere.

Divisa in due - Sharon M. Draper

Una ragazzina che frequenta la prima media deve affrontare tutte le settimane il passaggio dalla casa della mamma a quella del papà: già, perché i suoi genitori sono separati e non riescono a non litigare per qualsiasi cosa. Costruirsi una identità propria non è facile quando sei Isabella per il papà, Izzy per la mamma, quando non sei né bianca come lei, né di colore come lui, quando senti il forte bisogno di essere diversa sia dall’uno che dall’altra, di diventare una persona unica e irripetibile. Attraverso la passione per la musica riesce a fare esperienze di armonia e di pace: a scuola, invece, conosce cosa sono la discriminazione razziale e il bullismo; ma scopre che si possono imparare parole sempre nuove che aiutano a ricostruire relazioni, e che l’amicizia con Heather e Imani resiste davvero a tutto. Certo dovrà accadere un fatto veramente sconvolgente e traumatico, ma grazie a questo anche la sua famiglia riuscirà a trovare equilibrio e pace.
Un libro sicuramente da consigliare a ragazzi della scuola media e ai loro insegnanti.

Vorrei dirti - Cosetta Zanotti, Lucia Scuderi

Un libro sulle parole, scritto con poche parole, per dare alle immagini e ai colori il compito di portarci in mondi inesplorati. Ogni illustrazione contiene la premessa di quella successiva, e il testo, davvero essenziale, dice tutto: che ci sono parole che abbracciano, e parole di tempesta, parole che non sono mai state dette, ma che avrebbero potuto essere come una carezza. Scritto dall'amica Cosetta Zanotti e illustrato da Lucia Scuderi, questo libro pieno di poesia è adatto a partire dai 6 anni, ma è bello per tutte le età.

La dittatura - 'Ala Al-Aswani

Ho letto il libro di ALA AL-ASWANI e ho avuto la conferma che la dittatura è la forma di governo che, più di ogni altra, dovremmo contrastare. L'Autore parla, soprattutto, dei paesi arabi e dell'Egitto da cui proviene, ma fa, sovente, riferimenti anche a molti altri dittatori (Mussolini, Hitler, Ceausesku e tantissimi altri). Ne consiglio la lettura come consiglierei anche la lettura del libro di Michela Murgia "Istruzioni per diventare fascisti". Ci sono tanti oggi in Italia che vi aspirano chiedendo "pieni poteri" espressamente o tacitamente.

La salita dei saponari - Cristina Cassar Scalia

Quando c'è un'indagine della Vicequestora aggiunta Vanina Guarrasi bisogna precipitarsi a leggerla perché, come le precedenti, è avvincente e piena di suspence fino all'ultima pagina. Complimenti alla dottoressa Cristina Cassar Scalia. Speriamo che prosegua.

La leggerezza del poco - Emiko Katō

Tempo di lettura: 2 h
Prima del lockdown, mi ha incuriosito il titolo e l'ho preso in biblioteca. Non ho letto i due precedenti di quest'autrice giapponese, ma il libro contiene spunti interessanti, che ci fanno riflettere sulla società del consumismo e sullo stile di vita da seguire per avere una vita piena, appagante.
"... la tradizione giapponese basata sulla semplicità, che deve richiamare una decorosa povertà...Noi giapponesi dai tempi antichi fino a oggi, siamo sempre stati alla ricerca di una vita semplice e abbiamo messo in pratica questo concetto trasformandolo in un requisito essenziale per gli oggetti di qualità. Il culmine della decorosa povertà è il non possedere nulla. In questa condizione il tempo scorre in modo pieno: esiste un lusso più grande? Eppure oggi questo concetto non ci è più così familiare.
Dunque, qual è la ricchezza del non possedere nulla? Lo spirito. La ricchezza dello spirito significa avere sentimenti positivi e un'immaginazione ricca, che scaturiscono anche se non si possiede nulla"
"La mancanza di premura nei confronti degli altri è povertà di spirito...E' lo stesso quando non riusciamo a dimostrare riconoscenza per le azioni altrui e finiamo in qualche modo per calpestare quel sentimento. Anche l'eccessiva inclinazione a volere emergere sugli altri è data dalla povertà di spirito. Così come il fare tutto quello che fanno gli altri… Aumentare il senso del bello conoscendo sempre più noi stessi, senza farci influenzare dalla società basata sull’economia, circondarci di cose autentiche e ampliare le relazioni di reciproco rispetto: ecco come costruire un’esistenza e una vita quotidiana di qualità”

Fu sera e fu mattina - Ken Follett

Bello questo romanzo. Mi è piaciuto il personaggio di Edgar, altruista, innamorato e idealista ed esemplare nella sua voglia di imparare. Mi ricorda i personaggi di "I pilastri, della terra", "Mondo senza fine" e "La colonna di fuoco" ambientati nella stessa località anche se in tempi diversi "Kingsbridge". Si tratta di romanzi storici molto istruttivi,

Florence - Stefania Auci

Questa scrittrice è piuttosto brava. Storia avvincente,con delineate le linee importanti sul periodo storico e ciò che vivevano le donne.
Come vengono marcate le linee dell'onore,rispetto.